Marzo a Venezia

Con l’inverno che volge molto lentamente alla fine, ‘ Venezia in marzo ’ e’ lo spunto di questo nostro appuntamento. Inizio ringraziando di cuore tutti coloro che seguono le nostre storie con entusiasmo: e’ davvero stimolante trovare periodicamente nuovi argomenti per un pubblico cosi’ interessato!

 

Approfittando delle giornate piu’ lunghe e miti di marzo, vi suggerisco delle mete nelle vicinanze dell’albergo per alcune belle passeggiate che vi permetteranno di scoprire degli esempi di architettura e design moderni, assolutamente innovativi all’epoca della loro realizzazione.

Percorrendo le Zattere, in direzione della collezione d’arte contemporanea di Punta della Dogana di François Pinault, potrete ammirare ‘ Casa Cicogna ’ progettata dall’architetto Ignazio Gardella nel 1954, mentre sul lato opposto del Canale della Giudecca vedrete il ‘ Palazzo dei Tre Oci ’ o, meglio, il Palazzo dei Tre Occhi che prende il nome dalla ampie finestre gotiche sulla facciata. Disegnato dal pittore Mario de Maria nel 1910 e costruito nel 1913, questo edificio di gusto originale e’ un notevole esempio neo-gotico, sia nei colori che nello stile architettonico.

Venezia in marzo proporra’ anche una nuova mostra presso la Collezione Guggenheim:  ‘Arte europea 1949-1979’, una selezione di grandi opere del dopoguerra, appartenenti al museo e raramente esibite in passato, che ripercorrono gli ‘anni veneziani’ di Peggy Guggenheim in quello stesso periodo.
La facciata della Collezione è ora in restauro, ma i futuri visitatori potranno apprezzarne la riapertura.

Attraversando il Canal Grande, sul lato opposto rispetto all’albergo, in Campo Santa Maria Formosa, non lontano da Piazza San Marco, potrete ammirare la Fondazione Querini Stampalia. Nel 1949, Carlo Scarpa, il famoso architetto veneziano, disegnò la riorganizzazione del suo pianterreno e dei giardini, rendendo la stessa uno dei più interessanti esempi di architettura moderna in Italia. Tra l’altro, nel 1957-58, l’architetto disegnò anche il ‘Salone Olivetti, in Piazza San Marco, che dopo molti anni di chiusura è ora nuovamente aperto al pubblico.

Per coloro che in marzo volessero visitare le isole di Venezia, il Lido offre due meravigliosi esempi di architettura degli anni Trenta e Quaranta: il ‘Palazzo del Cinema’ ed il ‘Casinò’. Il primo, dove ogni anno all’inizio di settembre si tiene il famoso festival, è stato costruito nel 1938 sotto la direzione dell’architetto Luigi Quagliata, su suo progetto, mentre il secondo fu progettato agli inizi del XX secolo dall’ingegnere Eugenio Miozzi. Al Lido c’è anche un piccolo aeroporto, il Nicelli, che è stato costruito in quegli stessi anni e dove i piccoli aerei atterravano e decollavano quando l’isola del Lido era una delle localita’ balneari più raffinate d’ Europa.

Sfortunatamente, quando il Lido perse un po’ del suo prestigio, il Nicelli chiuse i battenti per parecchi anni, ma ha riaperto recentemente dopo un’ importante ristrutturazione e merita senz’altro una visita. Oltre ad operare per i piccoli aerei da turismo, è anche la base di una società di elicotteri per coloro che desiderassero provare un emozionante giro su Venezia: l’ho provato personalmente e posso garantire che si tratta davvero di una magnifica esperienza, anche per un veneziano!
A marzo e nei mesi seguenti…..Venezia propone molte attivita’ interessanti: su vostra richiesta saremo lieti di organizzarvi qualsiasi cosa!