Boutique-hotel-ca-pisani-home Boutique-hotel-ca-pisani-home-2 Boutique-hotel-ca-pisani-home-3 Boutique-hotel-ca-pisani-home-4
Deco Design Hotel a Venezia
"L’arte è per noi
inseparabile dalla vita"
Filippo Tommaso Marinetti
Scroll
134
“Welcome” e risparmia

Riapriamo il 25 Giugno! Scopri le nostre offerte.

Riceverai subito il 14% di sconto inserendo il codice “Welcome” nella sezione Coupon.

Ca’ Pisani

Il primo Design Hotel
di Venezia

Un magnifico palazzo del tardo Trecento è lo scrigno che racchiude gioielli di charme: il Boutique Hotel Ca’ Pisani è una gemma Art Decò, dove gli ospiti sognano in una galleria d’arte tra arredi originali e tempere di Fortunato Depero.

Boutique-hotel-ca-pisani-home-design-hotel-di-venezia

Le Camere

I dettagli,
un’esperienza

Entrare nelle camere, viverne l’essenza: ogni stanza regala particolari unici, un connubio tra mobilio ispirato alla prima metà del Novecento ed elementi di design moderno.

“Dove si respira aria
di buon gusto e relax”

Marco Scali, TripAdvisor

Le offerte

Esclusive, per te

Offerte, sconti imperdibili e vantaggi riservati agli ospiti che prenotano da questo sito.

Boutique-hotel-ca-pisani-home-stile-1

Lo stile

Un raffinato omaggio
all’arte

Uno spazio dove si mescolano magistralmente arredi Art Déco, opere di Fortunato Depero, oggetti d’uso comune collezionati pazientemente. Tutto è in equilibrio.

Boutique-hotel-ca-pisani-home-stile-2

Il Ristorante

La Rivista,
Concept Restaurant

Dall’opera di Depero esposta nella sala, nasce il Ristorante “La Rivista”. Il movimento futurista è fonte d’ispirazione per il design e i dettagli del luogo in cui assaporare i piatti della tradizione veneziana.

“Prodotti di prima qualità
cucinati con arte e sapienza”

Marianna Verona, TripAdvisor
Boutique-hotel-ca-pisani-home-ristorante-1 Boutique-hotel-ca-pisani-home-ristorante-2 Boutique-hotel-ca-pisani-home-ristorante-3
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
ca' pisani deco design hotel in venice
Boutique-hotel-ca-pisani-home-location-1

La Location

Dorsoduro,
il sestiere dell'arte

Gli amanti dell’arte trovano la propria dimensione: il Boutique Hotel Ca’ Pisani è a Dorsoduro, il quartiere che ospita la Peggy Guggenheim Collection, la Collezione Pinault a Punta della Dogana, le Gallerie dell’Accademia, la V-A-C Foundation.

Boutique-hotel-ca-pisani-home-location-2

Il Blog

Magazine,
il mondo Ca' Pisani

Un luogo dinamico, dove si incontrano passione, arte, storia.

Biennale Architettura 2021 - Ca' Pisani Deco Design Hotel Venice
Biennale Architettura 2021
The first major artistic event of 2021 takes place from May 22nd to November 21st: the 17th International Architecture Exhibition. "How will we live together?" is the theme chosen by the curator Hashim Sarkis: “The 2021 Biennale is motivated by new kinds of problems that the world is putting in front of architecture, but it is also inspired by the emerging activism of young architects and the radical revisions being proposed by the profession of architecture to take on these challenges. We need a new spatial contract. In the context of widening political divides and growing economic inequalities. We call on architects to imagine spaces in which we can generously live together.” Sarkis encourages architects to include in their research other related professions, such as artists, builders, and craftspeople, as well as politicians, journalists, social scientists, and everyday citizens. The 112 participants from 46 countries try to respond to the new issues that architecture has to face: the role of public space in recent urban riots, new reconstruction methods, new challenges that climate change is putting in front of architecture, the changing forms of collective housing across the globe, the architecture of education, the education of the architect and to explore the relationship between curator and architecture. The exhibition itinerary includes two main locations: the Central Pavilion at the Giardini and the Arsenale. A section dedicated to the theme "How will we play together?" with the works of five architects and an architectural photographer is proposed on the mainland at the Forte Marghera - Mestre. Also scheduled are side events and the Weekends on Architecture, a series of lectures and panels with architects and scholars from all over the world who will try to answer the question “How will we live together?”.   Biennale Architettura 2021: discounted tickets directly at from the hotel   Venice’s art takes off with this major exhibition of international resonance. The Biennale Architettura is highly appreciated by the public for its large installations, creative solutions, unusual proposals, diverse topics and always food for thought. This is why we recommend you to visit it. You can buy entrance tickets at a special price directly upon your arrival at our hotel. Online booking is required for both Giardini and Arsenale and our concierge will be happy to assist you in arranging a visit.   Biennale Architettura 2021: How will we live together? 22 May - 21 November 2021 Closed on Mondays Giardini Arsenale   “How will we play together?” Forte Marghera - Mestre  
Biennale Architettura 2021 - Ca' Pisani Deco Design Hotel Venice
Biennale Architettura 2021
Dal 22 Maggio al 21 Novembre si svolge il primo grande appuntamento artistico del 2021: la 17. Mostra Internazionale di Architettura. “How will we live together?” è il tema scelto dal curatore Hashim Sarkis. “La Biennale Architettura 2021 è motivata dai nuovi problemi che il mondo pone all’architettura, ma si ispira anche all’attivismo emergente di giovani architetti e alle revisioni radicali proposte dalla pratica dell’architettura per affrontare queste sfide” - afferma. - “Abbiamo bisogno di un nuovo contratto spaziale. In un contesto caratterizzato da divergenze politiche sempre più ampie e da disuguaglianze economiche sempre maggiori, chiediamo agli architetti di immaginare degli spazi nei quali vivere generosamente insieme”. Sarkis invita gli architetti a coinvolgere altre figure professionali, come artisti, costruttori, artigiani, ma anche politici, giornalisti, sociologi e cittadini comuni, nella loro ricerca. I 114 partecipanti in concorso provenienti da 46 Paesi cercano di rispondere alle nuove tematiche che l'architettura deve affrontare: la sfida del cambiamento climatico, il ruolo dello spazio pubblico nelle recenti rivolte urbane, le nuove tecniche di ricostruzione, le forme mutevoli dell’edilizia collettiva in tutto il mondo, l'architettura dell'educazione e l'educazione dell'architetto, il rapporto tra curatore e architettura. Il percorso espositivo prevedere due location principali: il Padiglione Centrale ai Giardini e l’Arsenale. Una sezione dedicata al tema “How will we play together?” con le opere di cinque architetti e un fotografo di architettura viene proposto in terraferma presso il Forte Marghera - Mestre. In programma anche degli eventi collaterali e i Weekends on Architecture, una serie di incontri con architetti, studiosi e professionisti di tutto il mondo che cercheranno di rispondere alla domanda How will we live together?   Biennale Architettura 2021: biglietti scontati direttamente in hotel   Venezia riparte dall’arte con questo grande evento di risonanza internazionale. La Biennale Architettura è solitamente molto apprezzata dal pubblico per le sue grandi installazioni, le soluzioni creative e, in alcuni casi, insolite proposte, per i temi trattati e gli spunti di riflessione. Per questo ti consigliamo di visitarla: potrai acquistare i biglietti d’ingresso a un prezzo speciale direttamente al tuo arrivo in hotel. La prenotazione online è obbligatoria per l’accesso alle sedi di Giardini e Arsenale e il nostro concierge ti potrà supportare nella definizione della tua visita.   Biennale Architettura 2021: How will we live together? 22 Maggio - 21 Novembre 2021 Chiuso il lunedì Padiglione Centrale ai Giardini Arsenale   “How will we play together?” Forte Marghera - Mestre
Bonus Vacanze 2021 al Ca' Pisani Hotel Venezia
Bonus vacanze 2021: approfittane nel nostro hotel!
Il governo ha esteso la validità del bonus vacanze fino 31 Dicembre 2021. Se non hai ancora speso il tuo bonus, approfittane per un soggiorno a Venezia: il nostro hotel lo accetta e ti offre anche dei benefit esclusivi che renderanno la tua vacanza ancora più conveniente. Potrai, infatti, cumulare l’utilizzo del bonus vacanze ad alcune offerte in corso e potrai avere: - possibilità di cancellazione gratuita fino a 2gg prima dell’arrivo (anche se prenoti una tariffa advance)* - upgrade di camera a prezzo ridotto (previa disponibilità): richiedilo al tuo arrivo in hotel!   Bonus vacanze 2021: come funziona   La richiesta del bonus vacanze doveva essere inoltrata attraverso l’app IO entro il 31 Dicembre 2020. Grazie al “decreto milleproroghe”, il governo ha esteso la sua validità fino al 31 Dicembre 2021. Quindi se non l’hai ancora speso, approfittane nei prossimi mesi. Il Ca’ Pisani Hotel accetta il bonus vacanze e in più ti offre alcuni benefit esclusivi: soggiornare nel quartiere artistico di Venezia è così ancora più conveniente. Per usufruire del tuo bonus, i dati da inoltrare alla struttura sono il codice univoco e il codice fiscale del richiedente. Non tutto l’importo del bonus vacanze può essere utilizzato come sconto sul soggiorno: solo l’80% del suo valore. Il rimanente 20% potrà essere recuperato come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi. Devi spendere il bonus vacanze in un’unica soluzione in una sola struttura. Nel caso il valore fosse minore rispetto all’importo del soggiorno, ti chiederemo di integrare quanto dovuto. Nel caso, invece, fosse superiore potrai aggiungere a tuo piacimento dei servizi aggiuntivi tra quelli forniti direttamente dal nostro hotel (es. pasto al Ristorante La Rivista o sessioni in bagno turco, nel caso non sia incluso nella tua tariffa). Il nostro concierge ti potrà fornire le informazioni di cui hai bisogno.   Il bonus vacanze al Ca’ Pisani Hotel   Potrai cumulare il bonus vacanze con alcune offerte in corso e in più potrai approfittare di alcuni benefit esclusivi: - Possibilità di cancellare la prenotazione entro 2 giorni dall’arrivo (anche se prenoti una tariffa Advance)* - Upgrade di camera a prezzi ridotti (previa disponibilità). Richiedilo al tuo arrivo! Contattaci per una preventivo *se preferisci il coupon welcome, potrai approfittare della convenienza di una tariffa prepagata non rimborsabile e non cancellabile con la possibilità di ripianificare il tuo soggiorno una sola volta entro un anno dalla data di prenotazione.
Dal Nono Colussi - focaccia veneziana - Ca' Pisani Hotel Venezia
The Venetian focaccia: the best shop in Dorsoduro
Since Easter is approaching our desire for "fugassa", the traditional Venetian focaccia, is growing day by day. Also, because we love craft shops, today we are going to take you to discover of one of the oldest and best known Venetian pastry shops: Dal Nono Colussi. It is only 7 minutes from Ca 'Pisani: you will have to head to Campo San Barnaba along the Rio de la Toletta, which in the months of March and April offers a small show, with a mimosa plant that emerges from a private garden showing itself in all its beauty. Continuing on Calle Lunga San Barnaba you will come across the window of Dal Nono Colussi's shop.   Fugassa, the traditional Venetian focaccia   The origin of the Venetian focaccia is confused in legend. There are those who say it was a baker from Treviso who invented it first, while others trace its birth back to the local popular tradition, connected to Christian holidays, where people allowed themselves the luxury of using sugar, an ingredient that was still very expensive at the time. For this reason, it is reserved for important occasions such as Easter. Another legend is that it was the "official" sweet for engagements, given to the family of the girl chosen as a bride with the ring hidden inside. In all cases, however, the recipe for Venetian focaccia is a bread recipe with added butter, eggs, sugar and other spices (depending on who produces it) and a good dose of patience, since the procedure requires a long rising time. Today it can be found in Venetian pastry shops and bakeries especially during the Christmas and Easter periods, but there are those like Dal Nono Colussi who offer it all year round.   Dal Nono Colussi, Venetian pastry shop since 1956   One of the many craft shops in the Dorsoduro District is Dal Nono Colussi pastry shop, famous above all for the production of delicious "fugasse venexiane", now available all year round. Founded in 1956 by Franco Colussi, known by all as Nono (a term that in Venetian dialect means grandfather), the shop first offered only traditional Venetian recipes and sweets of the time, and subsequently expanded its assortment to satisfy the tastes of customers who, in any case seem to prefer traditional sweets. It is now managed by the granddaughter who has decided to continue the family business with commitment and passion. The fugassa is the dessert that has received the most awards, a sweet, soft focaccia, without candied fruit, raisins or almonds,naturally leavened with sourdough starter, as tradition dictates, a tradition with which Nono Colussi has been producing these delights for more than 60 years. For a journey into the typical Venetian sweets, we recommend a stop in this typical shop! Focaccia Photo Credits: Dal Nono Colussi
Dal Nono Colussi - focaccia veneziana - Ca' Pisani Hotel Venezia
La focaccia veneziana: la migliore bottega a Dorsoduro
Sarà l’atmosfera pasquale che risveglia in noi la voglia di “fugassa”, la tradizionale focaccia veneziana, sarà la primavera, sarà l’amore per le attività artigianali, oggi ti portiamo alla scoperta di una delle pasticcerie veneziane più antiche e conosciute: Dal Nono Colussi. Dal Ca’ Pisani dista solo 7 minuti: ti dovrai dirigere in Campo San Barnaba percorrendo il Rio de la Toletta che nei mesi di marzo e aprile riserva un piccolo spettacolo, con una pianta di mimosa che fuoriesce da un giardino privato e si mostra in tutta la sua bellezza. Proseguendo poi in Calle Lunga San Barnaba ti imbatterai nella vetrina della bottega di Nono Colussi.   Fugassa, la focaccia della tradizione veneziana   L’origine della focaccia veneziana si confonde nella leggenda. C’è chi afferma sia stato un fornaio trevigiano a inventarla per primo, chi invece riconduce la sua nascita alla tradizione popolare locale, connessa alle feste cristiane, dove il popolo si concedeva il lusso di utilizzare lo zucchero, un ingrediente allora ancora molto costoso, e per questo riservato ad occasioni importanti come la Pasqua. O ancora che fosse il dolce “ufficiale” per i fidanzamenti, donata alla famiglia della ragazza scelta come sposa con l’anello nascosto al suo interno. In tutti i casi comunque la ricetta della focaccia veneziana si ricava da quella del pane aggiungendo burro, uova, zucchero ed altre spezie (a secondo di chi la produce) e una buona dose di pazienza visto che la procedura richiede una lunga lievitazione. Oggi nelle pasticcerie e panifici veneziani si può trovare soprattutto durante il periodo di Natale e Pasqua, ma c’è chi come Dal Nono Colussi la propone tutto l’anno.   Dal Nono Colussi, pasticceria veneziana dal 1956   Una delle botteghe artigianali di Venezia di cui è ricco il Sestier di Dorsoduro è la pasticceria Dal Nono Colussi, famosa soprattutto per la produzione di deliziose “fugasse venexiane”, ormai disponibili tutto l’anno. Fondata nel 1956 da Franco Colussi, conosciuto da tutti come Nono (termine che in veneziano significa nonno), la bottega proponeva dapprima unicamente tradizionali ricette veneziane e dolci dell’epoca, ed ha successivamente ampliato il proprio assortimento per assecondare i gusti dei clienti che comunque sembrano preferire i dolci della tradizione. Ora è gestita dalla nipote che ha deciso di continuare con impegno e passione l’attività di famiglia. La fugassa è il dolce che ha ricevuto maggiori riconoscimenti, una focaccia dolce, soffice, senza canditi, uvetta o mandorle, creata con il lievito madre, lievitato naturalmente come vuole la tradizione, con cui da più di 60 anni il Nono Colussi produce queste delizie. Per un viaggio nei tipici dolci veneziani, ti consigliamo quindi una tappa in questa bottega artigianale! Credits immagini focacce: Dal Nono Colussi
Collezione Marzadori - Ca' Pisani Deco Design Hotel Venezia
The twentieth century in every room: the Marzadori Collection
“For us, art is inseparable from life ". These are the words of Filippo Tommaso Marinetti, founder of the Futurist movement, which greet visitors to our website and this is the experience we want our guests to live when they choose to stay with us. The "life" at our hotel is steeped in art, taking our guests on an aesthetic journey through works of the twentieth century, which are located not only in the common areas, but also in the individual rooms. The rooms, although each one is different from the other, are artistic treasures that contain artifacts from the twentieth century: some originals expertly collected, and others faithful contemporary reproductions. At the end of 2019 they were further supplemented by the exhibition of common objects of the twentieth century from the Marzadori Collection, which were presented to the public in the exhibition "Ca' Pisani: il ‘900 ritrovato”, hosted in our hotel from March 27th to August 27th 2019.   The Marzadori Collection on display at Ca' Pisani   The works of the exhibition organized at Ca' Pisani are the fruit of thirty years of careful selection by the collector Maurizio Marzadori - founder of Freak Andò. This well-known Bolognese antique dealer, a lover of the twentieth century, has always collected common objects, toys, children's furniture, furnishing accessories, many of which were partly exhibited at the MOMA in New York (2012 in the exhibition “Century of the Child ”), at the Milan Triennale (2017/2018 at the“ Giro giro tondo ”exhibition), at the Archaeological Museum of Bologna (2003), at the Salaborsa Library in Bologna (2014) and in other prestigious museums and exhibitions. The exhibition "Ca' Pisani: il ‘900 ritrovato" retraced some of the main currents of the twentieth century, including Futurism, Déco, Rationalism and Aerodynamics up to the early 1950s. Among the artists on display were Ponti, Gariboldi, Diulgheroff, Mazzotti, Simonetto, Pacetti, Hagenauer, Bevilacqua, Baldelli, Lenci, Tavolara, Cambellotti, Bonazzi, "Cirillo" and many others, as well as authentic anonymous masterpieces. The exhibition itinerary began on the ground floor, in the reception and in the small sitting room, with suggestive twentieth-century rocking horses, then continued onto the first floor with common objects and finally on up to the second floor with Futurist toys and furnishings. The exposition aroused great interest from the public and was visited by more than 1700 people. The section of common objects was purchased in full by the Serandrei family to allow them to be a permanent part of the hotel experience, 20th-century treasures that perfectly blend in the setting of the Deco Design Hotel.   The twentieth century in every room In each of our 29 rooms you will find one of the twentieth century works acquired by the family. These are everyday objects: cups, trays, glasses, statuettes, objects and more. Each one has been placed in the silver Art Deco console in your room and is accompanied by a small caption of explanation. Some pieces are characterized by originality, others have particular colors and shapes. You can come across, for example, a skier from the 30s in a coffee service from the 40s whose cups resemble boats made with leaves, or you will be delighted by the bright colors of some ceramic services in many varying shapes, or you can still admire an extraordinary 1940s watch. Choose your experience and you will find out on your arrival which object you will find in your room. This shows the love for art and attention to every single detail that has guided the hospitality philosophy of the Serandrei family since 1908 and that in the Ca' Pisani Deco Design Hotel has found its ideal location.
Collezione Marzadori - Ca' Pisani Deco Design Hotel Venezia
Il Novecento in ogni stanza: la Collezione Marzadori
“L’arte per noi è inseparabile dalla vita”. Sono queste le parole di Filippo Tommaso Marinetti, fondatore del movimento futurista, che accolgono il visitatore nel nostro sito web ed è questa l’esperienza che vogliamo far vivere ai nostri ospiti quando ci scelgono. La “vita” presso il nostro hotel è intrisa di arte, un viaggio estetico tra opere del Novecento, nelle aree comuni ma anche nelle singolo stanze. Le camere, pur essendo una diversa dall’altra, sono dei tesori artistici che racchiudono manufatti del Novecento, alcuni originali sapientemente collezionati, e altri fedeli riproduzioni dell’epoca. Inoltre, a fine del 2019, sono state ulteriormente arricchite attraverso l’esposizione di oggetti d’uso comune del Novecento della Collezione Marzadori, presentati al pubblico nella mostra “Ca’ Pisani il ‘900 ritrovato” ospitata nel nostro hotel dal 27 Marzo al 27 Agosto 2019.   La Collezione Marzadori in mostra al Ca’ Pisani   Le opere della mostra organizzata al Ca’ Pisani rappresentano il frutto di trent’anni di accurate selezioni del collezionista Maurizio Marzadori - fondatore di Freak Andò. Il noto antiquario bolognese, amante del Novecento, colleziona da sempre oggetti d’uso comune, giocattoli, arredi per l’infanzia, complementi d'arredo, che in parte sono stati esposti al MOMA di New York (2012 nella mostra “Century of the Child”), alla Triennale di Milano (2017/2018 alla mostra “Giro giro tondo”), al Museo archeologico di Bologna (2003), alla Biblioteca di Salaborsa di Bologna (2014) e in altri musei ed esposizioni prestigiose. L’esposizione “Ca’ Pisani il ‘900 ritrovato” ha ripercorso alcune delle principali correnti del Novecento, tra cui Futurismo, Déco, Razionalismo, Aerodinamica per arrivare fino ai primi anni Cinquanta del secolo scorso. Tra gli artisti in esposizione erano presenti Ponti, Gariboldi, Diulgheroff, Mazzotti, Simonetto, Pacetti, Hagenauer, Bevilacqua, Baldelli, Lenci, Tavolara, Cambellotti, Bonazzi, "Cirillo" e tanti altri, oltre ad autentici capolavori anonimi. Il percorso espositivo iniziava al piano terra, nella reception e nel piccolo salottino con suggestivi cavallini a dondolo del Novecento, proseguiva poi al primo piano con gli oggetti d’uso comune e infine al secondo piano con giocattoli e arredi futuristi. La mostra ha suscitato un grande interesse da parte del pubblico essendo stata visitata da più di 1700 persone e la sezione degli oggetti d’uso comune è stata acquistata in toto dalla famiglia Serandrei per arricchire ancor più l’esperienza artistica vissuta dagli ospiti con dei veri e propri manufatti del Novecento, unici nel loro genere, tesori che ben si fondono nell’ambiente del Deco Design Hotel.   Il Novecento in ogni stanza   In tutte le nostre 29 stanze troverai una delle opere del Novecento acquisite dalla famiglia. Si tratta di oggetti d’uso quotidiano, tazze, vassoi, bicchieri, statuette, oggetti e altro ancora. Sono state posizionate nella consolle argentata Art Deco e accompagnate da una piccola didascalia per scoprirne vari preziosi dettagli. Alcuni si contraddistinguono per originalità, altri hanno colori e forme particolari. Ti potrai così imbattere, per esempio, in uno sciatore degli anni ‘30, in un servizio da caffé degli anni 40 le cui tazze assomigliano a barchette realizzate con foglie, oppure sarai attratto dai colori sgargianti di alcuni servizi in ceramica degli anni ‘30 dalle forme più disparate, oppure ancora potrai ammirare uno strano orologio anni ‘40. Scegli la tua esperienza e scoprirai al tuo arrivo quale sarà l’oggetto che troverai nella tua camera. Ciò testimonia l’amore per l’arte e l’attenzione verso ogni singolo dettaglio che guida la filosofia dell’ospitalità della famiglia Serandrei fin dal 1908 e che nel Ca’ Pisani Deco Design Hotel ha trovato la sua location ideale.
Carnevale di Venezia - Carnival in Venice - Ca' Pisani Deco Design Hotel
Venice Carnival
The Carnival of Venice is one of the best known and most appreciated events in the world. Every year, during this period, the city comes alive with masks, confetti, frittelle and galani (Carnival sweets), parties and events. This celebration has always attracted citizens and tourists to the historic center and is tinged with even more mystery and fun thanks to the traditions of the Venetian capital and its characteristics: a unique city built on the water, a labyrinth of narrow streets which open in “campi” and small squares that act as a stage for various activities. But do you know what is the origin of the Venice Carnival and what are the events not to be missed? Here below we are giving you a taste of it.   The origins of the Venice Carnival   The Venice Carnival has very ancient origins. There is a first written trace of it in an edict of Doge Vitale Falier of 1094 about entertainment and celebrations in the days preceding Lent, but it was officially named public holiday in 1296 by the Senate of the Serenissima Republic. The Carnival probably has a much older tradition and served as a way to give the population free play, a period in which social classes leveled off and irony on authority and aristocracy was allowed. By wearing a mask, people could transform themselves into what they wanted, thus canceling their belonging to a specific social class, religion, sex etc. In the 18th century the Carnival of Venice reached its maximum splendor, acquiring fame throughout Europe; the love adventures of one of the most famous characters in the world, Giacomo Casanova, date back exactly to this period. The Carnival originally began on December 26th, although some celebrations started in October, and lasted until the day before Lent. Today, however, events and shows are concentrated in the ten days preceding the Ash Wednesday.   The main events of the Venice Carnival   Each year the Venice Carnival focuses on a specific theme that becomes a common thread of all the events of the period and involves not only the historic center, but also the entire province. Here we present the events not to be missed, our suggestion is that you check the updated calendar on the official website   Festa veneziana dell’acqua (Venetian Feast on the water)   The latest editions of the Venice Carnival officially opened with a real show on the water, in Rio di Cannaregio. Boats, dances, water games and much more made this event truly scenic and engaging. The access can be limited: the show is therefore offered at various times and days to allow more people to participate.   Volo dell’Angelo (Flight of the Angel)   The celebrations in Saint Mark’s Square, the symbolic place of the Venice Carnival, open with the flight of the Angel: a costumed character descends "flying" from the top of the bell tower of Saint Mark’s to a stage where the Doge and the other masks in traditional costumes wait for her. According to the tradition, the person who acts the part of the angel is the winning Mary of the previous edition of the Carnival.   Volo dell’Aquila (Flight of the Eagle)   The flight of the eagle is the second descent from the top of the bell tower to Saint Mark's square, scheduled for the week following the Flight of the Angel. In this case, a prominent figure in current affairs, sports, entrepreneurship, music or entertainment is involved.   La festa delle Marie (The feast of the Marys)   The beauty contest that takes place during the Venice Carnival is named “Festa delle Marie”. Every year, usually on the first Saturday of the Carnival, twelve Venetian girls (selected in the previous weeks) are presented to the city via a fancy dress procession that winds from the church of San Pietro di Castello through via Garibaldi and Riva degli Schiavoni, to Saint Mark’s Square. This event recalls the homage the Doge used to offer to twelve beautiful Venetian girls by giving them jewels for their wedding.   Giovedì grasso (Fat Thursday)   It takes place on the last Thursday before the end of the Carnival and it is on this day that many events and parades in Venice and its province are concentrated. In Saint Mark’s Square there is usually the “Ballata delle Maschere con il Taglio della Testa del Toro” (Ballad of the Masks with the Cutting of the Bull's Head). The history says that in 1162 the Doge Vitale Michiel II overcame the patriarch Ulrico of Aquileia accompanied by 12 rebel feudal lords. As a tribute and compensation for this victory, the successors of the Venetian bishop had to offer the Doge a bull, 12 loaves and 12 pigs each year, an evident allegory of what happened, and all this ended with the cutting of the bull's head.   Martedì grasso (Shrove Tuesday)   The day before the Ash Wednesday, the Venice Carnival officially closes. The last flight from the bell tower of Saint Mark’s, called the "svolo del Leon" in Venetian dialect (the flight of the lion), celebrates the symbol of the city. The twelve Marys are waiting for him on stage: on this occasion the winner of the beauty competition is also presented, to end with beauty from every point of view!
Carnevale di Venezia - Carnival in Venice - Ca' Pisani Deco Design Hotel
Carnevale di Venezia
Il Carnevale di Venezia è uno dei più conosciuti ed apprezzati al mondo. Ogni anno, durante questo periodo, la città si anima con maschere, coriandoli, frittelle e galani, feste ed eventi. Una manifestazione che da sempre richiama in centro storico cittadini e turisti e che a Venezia si tinge ancor più di mistero e divertimento grazie alle tradizioni del capoluogo veneto e alla sue caratteristiche: una città unica costruita sull’acqua, un labirinto di calli che si aprono in campi e campielli che fanno da palcoscenico alle varie attività. Ma quando ha avuto origine il Carnevale a Venezia e quali sono gli eventi da non perdere? Nella prossime righe te ne diamo un assaggio.   Le origini del Carnevale di Venezia   Il Carnevale di Venezia ha origini assai lontane. Se ne ha una prima traccia scritta in un editto del Doge Vitale Falier del 1094 in cui si parla di divertimenti e festeggiamenti nei giorni precedenti la Quaresima, ma viene nominato ufficialmente festa pubblica nel 1296 dal Senato della Repubblica. Il Carnevale probabilmente ha una tradizione assai più antica e serviva come valvola di sfogo della popolazione, un periodo in cui i ceti sociali si livellavano ed era concessa l’ironia sull’autorità e sull’aristocrazia. Indossando una maschera ognuno poteva trasformarsi in ciò che desiderava, annullando quindi la propria appartenenza ad un determinato ceto sociale, religione, sesso etc. Nel XVIII secolo il Carnevale di Venezia raggiunse il suo massimo splendore, acquisendo notorietà in tutta Europa; proprio a quest’epoca risalgono le avventure amorose di uno dei personaggi più famosi al mondo, Giacomo Casanova. In origine il Carnevale aveva inizio il 26 Dicembre, anche se alcuni festeggiamenti partivano già da ottobre, e durava fino al giorno prima della Quaresima. Oggi invece eventi e manifestazioni si concentrano nei dieci giorni che precedono il mercoledì delle Ceneri.   Gli eventi principali del Carnevale di Venezia   Ogni anno il Carnevale di Venezia si focalizza su un tema specifico che si trasforma in un filo conduttore di tutti gli eventi del periodo e coinvolge non solo il centro storico, ma anche l’intera provincia. Qui ti presentiamo gli eventi da non perdere e potrai consultare il calendario aggiornato nel sito ufficiale   Festa veneziana dell’acqua   Le ultime edizioni del Carnevale di Venezia si sono aperte ufficialmente con un vero e proprio spettacolo sull’acqua, in Rio di Cannaregio. Imbarcazioni, danze, giochi d’acqua e molto altro rendono questo evento davvero scenico e coinvolgente. L’accesso può essere contingentato: lo spettacolo viene perciò proposto in vari orari e giorni per permettere a più persone di parteciparvi.   Volo dell’Angelo   I festeggiamenti in Piazza San Marco, luogo simbolo del Carnevale di Venezia, si aprono con il volo dell’Angelo: un personaggio in costume scende “in volo” dalla cima del campanile di San Marco fino ad un palcoscenico dove l’attendono il Doge e altre maschere in abiti tipici. La tradizione vuole che sia la Maria vincitrice dell’edizione precedente del Carnevale ad impersonare l’angelo.   Volo dell’Aquila   Il volo dell’aquila è la seconda discesa dalla cima del campanile alla piazza di San Marco, previsto la settimana successiva al Volo dell’Angelo. In questo caso viene coinvolto un personaggio di spicco dell’attualità, dello sport, dell’imprenditoria, della musica o dello spettacolo.   La festa delle Marie   Il concorso di bellezza che si svolge durante il Carnevale di Venezia viene nominato “Festa delle Marie”. Ogni anno, solitamente il primo sabato del Carnevale, dodici ragazze veneziane (selezionate nelle settimane precedenti) vengono presentate alla città mediante un corteo in costume che si snoda dalla chiesa di San Pietro di Castello, attraverso via Garibaldi e Riva degli Schiavoni, fino a Piazza San Marco. Tale evento rievoca l’omaggio che il Doge era solito offrire a dodici fanciulle veneziane regalandolo loro gioielli per il matrimonio.   Giovedì grasso   È l’ultimo giovedì prima della fine del Carnevale ed è in questa giornata che si concentrano molti eventi e sfilate a Venezia e provincia. In piazza San Marco è solitamente prevista la Ballata delle Maschere con il Taglio della Testa del Toro. Si narra infatti che nel 1162 il doge Vitale Michiel II vinse sul patriarca Ulrico di Aquileia accompagnato da 12 Feudatari ribelli. Come omaggio e risarcimento di tale vittoria, i successori del vescovo veneziano dovettero offrire ogni anno al doge in carica un toro, 12 pani e 12 maiali, evidente allegoria dell’accaduto, e il tutto terminava con il taglio della testa del toro.   Martedì grasso   Il giorno prima del mercoledì delle Ceneri si chiude ufficialmente il Carnevale di Venezia. L’ultimo volo dal campanile di San Marco, chiamato in dialetto lo svolo del Leon, celebra il simbolo della città. Ad attenderlo sul palco ci sono le dodici Marie: in questa occasione viene anche presentata la vincitrice del concorso, per chiudere in bellezza sotto ogni punto di vista!
Tradizioni Veneziane - Venetian tradition - top events - Ca' Pisani Hotel Venice
Traditions in Venice: a year-long journey
A new year has just begun and we sincerely hope that it will bring serenity and health to everyone. Even if the future is a huge question mark at the moment, we are sure we will not stop traveling; of course we can't do it physically yet, but for sure we can go on exciting tours thanks to our imagination and the testimonies of friends and acquaintances. We therefore propose here an itinerary to discover the main festivities of the Venice lagoon, a year-long journey. Many are intertwined with the history of the Serenissima Republic, others are connected to some religious events: let's discover them together. Traditional Venetian Events- not to be missed!   Carnevale di Venezia (Venice Carnival)   After Christmas holidays, the Venetians eagerly await the Carnevale. For two weeks the city comes alive with masks and events that take place in the various districts. The main events such as the Flight of the Angel and the Eagle and the Festa delle Marie are held in Saint Mark’s Square. (again, I would use Italian names, San Marco, here as you already use Feste delle Marie which is Italian.) Unfortunately, due to the reasons we all know, in 2021 the program has been revised to avoid gatherings; but pastry shops and bars are already offering the typical desserts of the period: frittelle and galani!   Festa di San Marco (Feast of Saint Mark)   On April 25th the city of Venice; in addition to celebrating Liberation Day, which occurs throughout Italy; also celebrates its patron saint, San Marco. (Saint Mark) On this day Venetians give their loved ones a rosebud, in Venetian called bocolo.   Festa della Sensa (Feast of the Ascension)   In May, the Festa della Sensa is celebrated – in Venetian it means the day of Christ’s Ascension, and the Festa is related to the history of the Serenissima..Also known as the Marriage with the Sea, it offers a spectacular water procession of traditional rowing boats from Saint Mark’s basin to the Lido of Venice island with the launch of a ring in the water.   Festa del Redentore (Redentore Festivity)   One of the favorite events of Venetians, is the Redentore Festivity which takes place on the Saturday before the third Sunday in July; commemorating the end of a terrible plague (1577) which culminated in the construction of the famous Palladian basilica on the island of Giudecca, as a votive offering. Today Venetians make a pilgrimage to the Redentore church walking across the Giudecca Canal on a bridge made of floating boats. On Saturday evening an exciting fireworks display occurs in Saint Mark’s Basin, which is viewed from boats, along the banks of the canal and also can be admired from the panoramic terraces or from the characteristic rooftop terraces of Venetian palaces.   Regata storica (Historical Regatta)   On the first Sunday of September, you can breathe the ancient atmosphere of the Venetian maritime republic and the lagoon rowing tradition. The Historical Regatta, the main appointment of the Venetian rowing competitions, offers a splendid water parade with typical boats and figures in costume, which is followed by various competitions along the Grand Canal. It is a unique show in the world.   Madonna della Salute   On November 21st, Venice celebrates the Feast of the Madonna della Salute which commemorates the votive offering of the entire city to the Madonna for the end of a terrible plague between 1630 and 1631. To facilitate the pilgrimage to the Basilica, a temporary floating bridge over boats is built on the Grand Canal and along the calli there are candle dealers selling offerings to the Madonna, as well as sweets of all kinds. According to the tradition on this day you should eat a typical dish: the castradina made with mutton and cabbage.
Tradizioni Veneziane - Venetian tradition - top events - Ca' Pisani Hotel Venice
Tradizioni veneziane: un viaggio lungo un anno
Un nuovo anno è appena iniziato e ci auguriamo di cuore che porti serenità e salute a tutti. Anche se il futuro al momento è una grande incognita, siamo certi che non smetteremo di viaggiare; non lo possiamo ancora fare fisicamente, ma di sicuro ci possiamo addentrare in entusiasmanti tour grazie alla nostra fantasia e alle testimonianze di amici e conoscenti. Vi proponiamo quindi un itinerario alla scoperta delle principali festività della laguna di Venezia, un viaggio lungo un anno. Molte si intrecciano con la storia della Repubblica Serenissima, altre sono collegate ad alcuni avvenimenti religiosi: scopriamole insieme.   Gli eventi della tradizione veneziana da non perdere     Carnevale   Terminate le festività natalizie, i veneziani aspettano trepidanti il Carnevale. Per due settimane la città si anima con maschere ed eventi che si svolgono nei vari sestieri. In Piazza San Marco si tengono le manifestazioni principali come il Volo dell’Angelo e dell’Aquila e la Festa delle Marie. Vi possiamo anticipare che purtroppo, per i motivi che tutti conosciamo, anche nel 2021 il programma è stato rivisto per evitare assembramenti ma pasticcerie e bar propongono già i dolci tipici del periodo: frittelle e galani!   Festa di San Marco   Il 25 Aprile la città di Venezia, oltre a festeggiare la Festa della Liberazione come avviene in tutta Italia, celebra anche il suo patrono, San Marco. In questa giornata è usanza regalare alla persona amata un bocciolo di rosa, in veneziano “bocolo”   Festa della Sensa   A Maggio è previsto uno degli appuntamenti legati alla storia della Serenissima, la Festa della Sensa (Sensa in dialetto veneziano indica il giorno dell’Ascensione di Cristo). Tale celebrazione, detta anche dello Sposalizio col mare, propone uno scenografico corteo acqueo di imbarcazioni tradizionali a remi da San Marco al Lido di Venezia con il lancio di un anello in acqua.   Festa del Redentore   Evento molto amato dai veneziani, la festa del Redentore si svolge il sabato antecedente la terza domenica di luglio e rievoca la fine di una terribile pestilenza (1577) che culminò nella costruzione della celebre basilica palladiana sull’isola della Giudecca, come ringraziamento della città. Anche oggi i veneziani si recano in pellegrinaggio presso la chiesa del Redentore grazie all’allestimento di un ponte di barche. Inoltre, il sabato sera è previsto un entusiasmante spettacolo pirotecnico in Bacino San Marco. I più fortunati si godono lo spettacolo dalle barche e lungo le rive, ma i fuochi più alti si possono ammirare anche dalle terrazze panoramiche o dalle caratteristiche altane dei palazzi veneziani.   Regata storica   La prima domenica di settembre si torna a respirare l’antica atmosfera della repubblica marinara veneziana e della tradizione remiera lagunare. La Regata Storica, appuntamento principale delle gare di voga alla veneta, offre un grandioso corteo acqueo con imbarcazioni tipiche e figuranti in costume e, a seguire, le varie competizioni lungo il Canal Grande. Uno spettacolo unico al mondo.   Madonna della Salute   Il 21 Novembre Venezia celebra la Festa della Madonna della Salute che rievoca il ringraziamento dell’intera città alla Madonna per la fine di una terribile pestilenza tra il 1630 e il 1631. Per facilitare il pellegrinaggio alla Basilica viene costruito un ponte provvisorio su barche sul Canal Grande e lungo la strada si trovano rivenditori di candele da offrire alla Madonna, oltre a dolciumi di ogni tipo. La tradizione vuole anche che in questo giorno si mangi un piatto tipico: la castradina a base di carne di montone e verza.
Cosa mangiare a Venezia - What to eat in Venice - polenta e schie - Ca' Pisani Hotel Venice
The Venice Kitchen: polenta and schie
Venice is a city rich in history, art and tradition. You can get lost in its calli and campielli in search of architectural details, historical references or even its magnificent views. You can visit the most renowned museums or discover the most sought-after art galleries. We also recommend you to take the time to discover its culinary traditions: a journey rich in unique flavours where you will taste the cuisine so loved by the Venetians. The influences that have permeated the Venetian capital over the centuries have helped to create a mix of unique flavours throughout the world, which satisfy even the most demanding palates. Of course, fish is king. In bacari (the typical Venetian taverns) as well as in the most renowned restaurants you will find many dishes with cod, cuttlefish, sea bass, sea bream and all other native species. In our magazine’s first date with Venetian cuisine, we have decided to share the secret of a simple, but also, tasty recipe which can be made for a Christmas celebration or on any occasion and will be much appreciated by your guests.   Schie: the typical shrimp of the lagoon   Schia is a term that in the Venetian dialect denotes a small person and for this reason is used as the name of the typical lagoon shrimp, which measures on average from 3 to 5cms (sometimes up to 9 cm.) It has a greyish colour and is found in the lagoon between Venice and Trieste especially during the winter months. According to our culinary tradition, schie are served in various ways, but one of the most famous is certainly polenta with schie.   Polenta and schie: the recipe   We asked the help of our Chef for this quick and easy recipe that you can try to reproduce at home: enjoy!   Ingredients for 4 people   500 g of schie 400 g of soft polenta Extra virgin olive oil 100 ml Garlic (1 clove) Brandy 10 ml Salt and Pepper to taste. Parsley 2 liters of water 200 gr corn flour 30 gr butter   Method   For the soft polenta: Bring a litre of water to the boil, add the salt and the polenta. Cook over a low heat for a few minutes, stirring continuously. Meanwhile, boil the remaining litre of water and, when the polenta has absorbed all the cooking water, add a ladle of boiling water and continue stirring, as you would for risotto, for about 30 minutes. Finally, stir in a knob of butter and a drizzle of extra virgin olive oil. For the schie: While the polenta is cooking, wash and blanch the schie in water and lemon for 2 minutes, once cool, peel them one by one: given their small size it will take a lot of patience, but it will be worth it. In a non-stick pan, heat the extra virgin olive oil with the crushed garlic and chopped parsley, then add the schie and simmer for one minute with a drop of brandy. Once cooked, add salt and pepper and serve by placing the schie on the soft polenta. Buon Appetito!
Cosa mangiare a Venezia - What to eat in Venice - polenta e schie - Ca' Pisani Hotel Venice
Venezia in cucina: polenta e schie
Venezia è un città ricca di storia, arte, tradizione. Ti potrai perdere tra calli e campielli alla ricerca di dettagli architettonici, rimandi storici o anche dei suoi magnifici panorami. Potrai visitare i musei più rinomati o scoprire le gallerie d’arte più ricercate. Ti consigliamo anche di dedicare del tempo alla scoperta delle sue tradizioni culinarie: un viaggio ricco e dai sapori unici che ti farà degustare la cucina tanto amata dai veneziani. Le influenze che nei secoli hanno pervaso il capoluogo veneto hanno contribuito a creare un mix di sapori unici al mondo, che soddisfano anche i palati più esigenti. Il pesce naturalmente la fa da padrone. Nei bacari (le tipiche osterie veneziane) come nei ristoranti più rinomati troverai molti piatti con baccalà, seppie, branzini, orate e tutte le altre specie autoctone. In questo primo appuntamento del nostro magazine con la cucina veneziana, abbiamo pensato di svelarti una ricetta semplice ma al tempo stesso gustosa da poter proporre per celebrare le festività natalizie ma anche in altre occasioni e che sicuramente verrà apprezzata dai tuoi commensali.   Schie: il gambero tipico della laguna   Schia è un termine che in dialetto veneto identifica una persona piccolina e che proprio per questo viene utilizzato come denominazione del tipico gambero della laguna, che misura in media dai 3 ai 5 (raggiungendo a volte i 9 cm.) Ha una colorazione grigiastra e viene pescato nella laguna tra Venezia e Trieste soprattutto durante i mesi invernali. Nella nostra tradizione culinaria, le schie vengono proposte in vari abbinamenti, ma uno dei piatti più famosi è sicuramente la polenta con le schie.   Polenta e schie: la ricetta   Abbiamo chiesto l’aiuto del nostro Chef e ti proponiamo questa ricetta semplice e veloce che potrai provare a replicare a casa: buon divertimento!   Ingredienti per 4 persone   500 g di schie 400 g di polentina morbida 100 ml Olio evo Aglio (1 spicchio) 10 ml Brandy Sale e pepe q.b. Prezzemolo 2 litri acqua 200 gr farina di mais 30 gr burro   Procedimento   Per la polenta morbida: Portare a ebollizione un litro di acqua, salare e aggiungere la polenta. Cuocere a fiamma bassa per qualche minuto mescolando continuamente. Da parte, far bollire il rimanente litro di acqua e, quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua di cottura, aggiungere un mestolo di acqua bollente e continuare a mescolare, così come avviene per la preparazione del risotto, per circa 30 minuti. Infine mantecare con una noce di burro e filo d’olio evo. Per le schie: Finchè la polenta cuoce, lavare bene e sbollentare le schie in acqua e limone per 2 minuti, una volta raffreddate sgusciarle una ad una: vista la loro dimensione ridotta ci vorrà molta pazienza, ma ne varrà la pena. In una padella antiaderente, scaldare l’olio evo con l’aglio schiacciato e il prezzemolo tritato, dopodiché aggiungere la schie e cuocerle per un minuto, sfumando con un goccio di brandy. Al termine della cottura aggiustare di sale e pepe e servire adagiando le schie sulla polentina morbida.  Buon Appetito!
Ca' Pisani Hotel Venice - 20th anniversary, November 30th 2020
20 anni di Ca' Pisani
Abbiamo il piacere di condividere con te questo importante traguardo per il nostro Hotel: il 30 Novembre festeggiamo il 20esimo anniversario dall’apertura. Aggiungiamo così un’altra pietra miliare del nostro cammino in un anno che è stato, è, e purtroppo sarà, un anno molto difficile per tutti. Ecco perché approfittiamo di questa occasione per portare una ventata di ottimismo e di positività: buon 20esimo compleanno Ca’ Pisani!   L’apertura del Ca’ Pisani   Il nostro hotel nasce da un’idea di Ugo Serandrei, padre degli attuali titolari. Già alla guida dell’Hotel Saturnia & International di Venezia sito in San Marco gestito dalla famiglia Serandrei sin dal 1908, Ugo era anche un appassionato d’arte e in particolare del Futurismo. Proprio la ricerca di un luogo originale per l’esposizione di alcune opere di Depero lo spinse a progettare un nuovo concetto di hotel che si differenziasse rispetto al panorama dell’hotellerie veneziana dell’epoca. Con il supporto e la collaborazione di architetti, designer e collezionisti, nacque così il primo hotel di design di Venezia.   Il boutique hotel secondo Ugo Serandrei   Ugo Serandrei aveva concepito il Ca’ Pisani come un boutique hotel: così se un ospite avesse apprezzato un pezzo di collezionismo visto nella sua camera o nelle aree comuni avrebbe potuto acquistarlo. E così è stato. Marianna ricorda ancora una cliente russa talmente innamorata del letto in radica nel quale aveva dormito, che lo acquistò e se le fece spedire in Russia. Ma poi questo concetto si è attenuato, un po’ per il valore unico dei pezzi che arredano il Ca’ Pisani e un po’ per il legame affettivo che ormai i figli di Ugo provano verso questo piccolo gioiello Art Deco. Al punto che l’anno scorso è stata da loro acquistata una collezione di oggetti del Novecento da un antiquario di Bologna: dopo essere stati esposti in mostra presso il Ca’ Pisani, gli oggetti sono diventati parte integrante dell’arredamento delle camere dell’hotel.   20 anni insieme   Il 30 novembre 2000 aprirono per la prima volta al pubblico le porte del Ca’ Pisani Hotel a Venezia con l’obiettivo di far vivere agli ospiti un'esperienza unica, sia per il concetto (il nostro fu il primo design hotel di Venezia), sia per il servizio al cliente: puntiamo, infatti, a far sentire ogni ospite come a casa, lo coccoliamo facendo attenzione anche ai piccoli dettagli, particolare che secondo noi fa la differenza. Oggi come allora questi principi guidano ancora il nostro lavoro. Avevamo sperato di festeggiare in modo diverso il nostro ventennale, ma purtroppo gli eventi di questo 2020 hanno cambiato la vita di tutti. Comunque noi crediamo nell’ottimismo: #andratuttobene e buon compleanno Ca’ Pisani!
Ca' Pisani Hotel Venice - 20th anniversary, November 30th 2020
20 years of Ca' Pisani
We are pleased to share, with you, Ca’ Pisani’s important milestone: on November 30th we will celebrate the 20th anniversary of its opening, in a year that has been, is, and unfortunately will be, a quite difficult year for everyone. That is why we take advantage of this opportunity to bring a wave of optimism and positivity: happy 20th birthday Ca' Pisani!   The opening of Ca' Pisani   Our hotel was born from an idea of Ugo Serandrei, father of the current owners. Already at the helm of the Hotel Saturnia & International in Venice located in San Marco, managed by the Serandrei family since 1908, Ugo was also a lover of art and in particular of Futurism. The search for an original place for the exhibition of some of Depero's works led him to plan a new concept of hotel that differed from the Venetian hotel scene of the time. With the support and collaboration of architects, designers and collectors, the first design hotel in Venice was born.   The boutique hotel according to Ugo Serandrei   Ugo Serandrei had conceived the Ca' Pisani as a boutique hotel: where if a guest had appreciated a collectable piece seen in his/her room or in the common areas, it was possible to buy it. And this actually happened. Marianna still remembers a Russian client so in love with the briarwood bed in which she had slept, that she decided to get it and had it shipped to Russia. Later this concept weakened, partly due to the unique value of the pieces that furnish the Ca' Pisani and partly because of the emotional bond that Ugo's children now feel towards this little Art Deco jewel. To the point that last year they purchased a collection of 20th century objects from an antiquarian in Bologna: after being exhibited at the Ca' Pisani, the objects have become an integral part of the furniture of the rooms of the hotel.   20 years together   On November 30th 2000, the doors of Ca 'Pisani Hotel in Venice opened to the public for the first time. The aim was to offer guests a unique experience, both for the concept (ours has been the first design hotel in Venice) and for our customer service: we do our best to make every guest feel at home, and pamper him/her paying attention to even the smallest details because they really make a difference. Today these principles still guide our work. We had hoped to celebrate our twentieth anniversary in a different way, but the events of this 2020 have changed everyone's life. However, we believe in optimism: #staysafe and happy birthday Ca' Pisani!
Ca' Pisani Hotel Venice - temporary closure - october 2020
Arrivederci al 2021!
Abbiamo investito molto in questi mesi per offrire ai nostri ospiti un servizio impeccabile con la massima sicurezza e tutto lo staff si è prodigato per mettere in atto ogni nuova procedura al meglio sempre con il sorriso (anche se nascosto dalla mascherina) e per questo sono veramente molto grata a tutti loro. Ma contro questo virus silente la battaglia non è ancora terminata, ed è per questo che siamo costretti un'altra volta a chiudere le porte del nostro hotel. Naturalmente è solo un Arrivederci. A presto marianna
Ca' Pisani Hotel Venice - temporary closure - october 2020
See you soon!
We invested a lot in the past months to offer our guests an unforgettable experience with maximum safety and all the staff did their best to respect the new procedures, always with a smile (even if hidden by the mask) and for this I am very grateful to all of them. But the battle against this silent virus is not over yet, and that is why we are forced once again to close the doors of our hotel. Of course it's just a goodbye. See you soon! marianna
Futurismo at Ca' Pisani Hotel Venice - Fortunato Depero's original artworks
Futurism: from the Ca' Pisani Hotel to the Peggy Guggenheim Collection
Speed, becoming and movement in space are the main cornerstones of Futurism, a current born in Italy at the beginning of the twentieth century that has involved all the arts, from painting to sculpture, from literature to music, and then spread also in the lifestyle of its enthusiasts. In cooking, for example, the Futurists rejected the recipes and terms traditionally used in this field, and created polybibites (which are nowadays called cocktails) such as Inventina, and formulas (substitute term for recipe) with really bizarre names (divorced eggs, drunk calf, likeacloud, etc.). You can taste some of them in our La Rivista Restaurant and you will find others in the 2020 calendar of the Serandrei family, a tradition that has been handed on since 1981.   Depero at Ca' Pisani   Futurism was one of the reasons behind the foundation of the Ca' Pisani Hotel: Ugo Serandrei, 4th generation hotelier and father of the current owners, had bought authentic Depero’s artworks and, looking for an original and not obvious place for their exhibition, conceived a particular hotel different from the Venetian hotel scene of that time. Thus the first design hotel in Venice, with the help of architects, designers and collectors, was born. You can admire the original works of art by Fortunato Depero upon check-in, during breakfast and on your way to the room. In the reception hall you can admire "Listen - Stop - Look" (1930), tempera and Indian ink on paper. When having breakfast, the eye will be enraptured by the bright colors of "La Rivista" (1925), the work the restaurant takes its name from. The color continues to amaze even in the second piece on display in this room, the collage of cards “Portatore – Tazza” (1929/1931). Finally, the artwork "Dalla serie Balli Plastici" (1925) hangs on the main staircase leading to the first floor.   Futurism on display at the Peggy Guggenheim Collection   Futurism was a movement of total change that broke with the past and so important that even the Peggy Guggenheim Collection, one of the most prestigious European and American art museums of the twentieth century in Italy, dedicates a special section to it. From our hotel you can quickly reach this extraordinary gallery (just 4 minutes on foot) to continue your stay dictated by art. You will come across Giacomo Balla's oil on panel (1871 - 1958) "Velocità astratta + rumore" (1913-14). Here the artist studies the impact of the speed of a car in the natural environment, also representing its noise, as onomatopoeia plays a great role (which is the reason why you can find these sounds on our website). To highlight how the pictorial reality expands into outer space, the brushstrokes come out of the canvas and involve the frame. “Mare = Ballerina” by Gino Severini (1883 - 1966), which is from the same year, is inspired by the sea of Anzio and represents the fusion between a ballerina's dress and the waves of the sea with brushstrokes of colors deriving from Neo-Impressionism. Also in this case the force of the sea is so disruptive as to involve the frame. You will have the chance to admire the sculpture “Dinamismo di un cavallo in corsa + case” (1915) by Umberto Boccioni (1882-1916). The artist uses different materials and blends the piece of art with the surrounding environment: horse and house are visually imperceptible and create a new entity. Other futurist masterpieces are present in the archives and have been shown in various temporary exhibitions in the past. We hope they can also be the subject of future events because the richness of the Guggenheim Collection and the originality of Futurism create a really valuable combination for every art lover.
Futurismo at Ca' Pisani Hotel Venice - Fortunato Depero's original artworks
Il Futurismo: dal Ca’ Pisani Hotel alla Peggy Guggenheim Collection
Velocità, divenire e movimento nello spazio sono i principali cardini del Futurismo, una corrente nata in Italia all’inizio del XX secolo che ha investito tutte le arti, dalla pittura alla scultura, dalla letteratura alla musica, per poi diffondersi anche nello stile di vita dei suoi ammiratori. Nella cucina, ad esempio, i futuristi rifiutarono le ricette e i termini tradizionalmente utilizzati in questo campo, e crearono le polibibite (che ora chiamiamo cocktail) come l’Inventina e le formule (termine sostitutivo di ricetta) con dei nomi davvero bizzarri (uova divorziate, vitello ubriacato, comeunanuvola, ecc.). Potrai assaporarne alcune nel nostro Ristorante La Rivista e ne trovi altre nel calendario 2020 della famiglia Serandrei, una tradizione che si tramanda dal 1981.   Depero al Ca’ Pisani   Proprio il Futurismo fu uno dei motivi alla base della creazione del Ca’ Pisani Hotel: Ugo Serandrei, albergatore di IV generazione e padre degli attuali proprietari, aveva acquistato dei Depero autentici e, cercando un posto originale e non scontato per la loro esposizione, concepì una struttura alberghiera particolare e differente rispetto al panorama dell’hotellerie veneziana dell’epoca. Nacque così, con l’aiuto di architetti, designer e collezionisti, il primo hotel di design a Venezia. Potrai ammirare quindi le opere d’arte originali di Fortunato Depero al momento del check-in, durante la colazione e dirigendoti in camera. L’accoglienza nella hall spetta a “Listen – Stop – Look” (1930), tempera ed inchiostri di china su carta. Durante la colazione l’occhio verrà rapito dai colori vivi di “La Rivista” (1925), opera da cui il ristorante trae il nome. Il colore continua a stupire anche nel secondo pezzo in esposizione in questo locale, il collage di carte “Portatore – Tazza” (1929/1931). Infine, nella scala principale che conduce alle camere è appesa l’opera “Dalla serie Balli Plastici” (1925).   Il Futurismo esposto alla Guggenheim   Il Futurismo fu un movimento di rottura con il passato, di totale cambiamento, e di tale importanza che anche la Peggy Guggenheim Collection, uno dei più importanti musei d'arte europea ed americana del XX secolo in Italia, gli dedica un’apposita sezione. Dal nostro hotel potrai raggiungere al volo (soli 4 minuti a piedi) questa straordinaria galleria per continuare il tuo soggiorno all’insegna dell’arte. Ti imbatterai nell’olio su tavola di Giacomo Balla (1871 – 1958) “Velocità astratta + rumore” (1913-14). Qui l’artista studia l’impatto della velocità di un’automobile nell’ambiente naturale, rappresentandone anche il rumore, in quanto l’onomatopea ricopre una grande importanza (motivo per cui le trovate sul nostro sito web) Per evidenziare come la realtà pittorica si espanda nello spazio esterno, le pennellate fuoriescono dalla tela e coinvolgono la cornice. Sempre del 1914 è “Mare=Ballerina” di Gino Severini (1883 – 1966), che, ispirato al mare di Anzio, rappresenta la fusione tra il vestito di una ballerina e le onde del mare con pennellate di colori che derivano dal Neoimpressionismo. Anche in questo caso la forza del mare è così dirompente da coinvolgere la cornice. Di Umberto Boccioni (1882 – 1916) viene invece presentata la scultura “Dinamismo di un cavallo in corsa + case” (1915). L’artista utilizza diversi materiali e fonde oggetto con ambiente circostante: cavallo e casa sono visivamente impercettibili e creano una nuova entità. Altri capolavori futuristi sono presenti negli archivi e sono stati esposti in varie mostre temporanee realizzate in precedenza. Ci auguriamo possano essere anche oggetto di eventi in un prossimo futuro perché la ricchezza della Collezione Guggenheim e l’originalità del Futurismo creano un connubio ricco di valore per ogni appassionato d’arte
Dorsoduro Venice - Ca' Pisani Deco Design Hotel
Dorsoduro Venice: art, crafts, food and wine
Venice is a city rich in art and history but there is a district (which venetians call "Sestiere") that contains the artistic and university heart of the city: Dorsoduro. Unlike the neighboring Sestiere di San Marco, the calli and campielli of Dorsoduro are less crowded and hide unforgettable views of an authentic Venice. You will find some of the most important art museums in the city and you can plan your itinerary in the name of local crafts and food and wine.   What to visit in Dorsoduro   Basilica della Salute It is one of the most important Baroque churches in Venice. It is located in the Punta della Dogana area and is the backdrop for many photographs taken from the Accademia Bridge. Designed by Baldassarre Longhena, of Palladian inspiration, this basilica is the arrival point of a pilgrimage that takes place every year on November 21st on the occasion of the Feast of the Madonna della Salute, an ancient Venetian tradition, which commemorates the thanksgiving of the entire city to the Madonna for the end of a terrible pestilence between 1630-31.   Zattere The Fondamenta delle Zattere overlooks the Giudecca Canal and connects the Maritime Station to Punta della Dogana, a path of almost one kilometer. It is the ideal place to stroll and enjoy the view. A mandatory stop especially for the sweet lovers is “da Nico” ice cream parlor which with its now famous gianduiotto will brighten your day even more.   Campo Santa Margherita The hub of the neighborhood's social life, Campo Santa Margherita comes alive during aperitif hours, thanks , above all, to the proximity of some of the IUAV and Ca 'Foscari university location. Going along it towards the Accademia it is possible to cross the famous Ponte dei Pugni and admire the characteristic fruit and vegetable shop-boat.   Museums and galleries Dorsoduro is home to some museums that art lovers should visit. Here are the main ones: Gallerie dell’Accademia with works by Venetian and Italian artists including Giorgione, Carpaccio, Veronese and many others; The Peggy Guggenheim Collection where you can admire the masterpieces of contemporary art (Duchamp, Kandinsky, Picasso just to name a few); Punta della Dogana with the Pinault Collection, home to various temporary exhibitions; Ca' Rezzonico, the eighteenth-century Venetian museum housed in a splendid Baroque palace; Palazzo Cini with its works of ancient art (including Filippo Lippi, Beato Angelico, Botticelli, Piero di Cosimo, Pontormo); Casa dei Tre Oci, famous for its photographic exhibitions; V-A-C Foundation, recently opened gallery and home to various temporary exhibitions.   Squero di San Trovaso The squero di San Trovaso, housed in a wooden structure with the typical shape of a mountain house, is one of the oldest traditional shipyards in the city still active. Operating since the 17th century, gondolas, pupparini, sandoli, sciopòni and other boats typical of the Venetian lagoon tradition are still built here today.   Craft shops Ca' Macana with its masks, Perlamadredesign and its creations with pearls, Canestrelli mirrors and Dal Nono Colussi focaccia are just some of the shops that carry on local craftsmanship between tradition and innovation. Lose yourself in the streets of Dorsoduro and discover the shops of the past, exchange a few words with the owners and you will discover the most authentic Venice.   Cicheti and more: where to eat Visiting Venice also means savoring its traditional dishes such as cod, saor or cuttlefish. Of course there are also typical recipes based on meat and vegetarian reinterpretations to satisfy everyone's tastes. Here we mention only a few taverns that may be of interest in the Dorsoduro district in addition of course to our Restaurant La Rivista: Osteria allo Squero, da Codroma, Osteria Ai Pugni, Cantine del Vino already Schiavi, alla Bifora.
Dorsoduro Venice - Ca' Pisani Deco Design Hotel
Dorsoduro Venezia: arte, artigianato, enogastronomia
Venezia è un città ricca di arte e di storia. Ma c’è un quartiere (che qui chiamiamo “Sestiere”) che racchiude il cuore artistico e universitario della città: Dorsoduro. A differenza del confinante Sestiere di San Marco, le calli e i campielli di Dorsoduro sono meno affollati e nascondono scorci indimenticabili di una Venezia autentica. Troverai alcuni dei più importanti musei d’arte della città e potrai pianificare il tuo itinerario all’insegna dell’artigianato e della enogastronomia locale. Cosa visitare a Dorsoduro   Basilica della Salute E’ una delle chiese barocche più importanti di Venezia. Si trova nell’area di Punta della Dogana e fa da sfondo a moltissime fotografie scattate dal Ponte dell’Accademia. Progettata da Baldassarre Longhena, di ispirazione palladiana, questa basilica è il punto d’arrivo di un pellegrinaggio che si svolge ogni anno il 21 Novembre in occasione della Festa della Madonna della Salute, un’antica tradizione veneziana, che rievoca il ringraziamento dell’intera città alla Madonna per la fine di una terribile pestilenza tra il 1630-31.   Zattere La fondamenta delle Zattere si affaccia sul Canale della Giudecca e collega la Stazione Marittima a Punta della Dogana, un percorso di quasi un chilometro. È il luogo ideale per passeggiare e godersi il panorama. Una tappa obbligata soprattutto per i più golosi è la gelateria “da Nico” che con il suo ormai celebre gianduiotto allieterà ancor di più la tua giornata.   Campo Santa Margherita Fulcro della vita mondana del quartiere, Campo Santa Margherita si anima durante l’orario dell’aperitivo, grazie soprattutto alla vicinanza di alcune sedi di IUAV e Ca’ Foscari. Percorrendolo in direzione Accademia è possibile attraversare il famoso Ponte dei Pugni e ammirare la caratteristica barca della frutta e verdura.   Musei e gallerie Dorsoduro ospita alcuni musei che gli appassionati di arte devono visitare. Ecco i principali: Gallerie dell’Accademia con le opere di artisti veneziani e italiani tra cui Giorgione, Carpaccio, Veronese e molti altri. The Peggy Guggenheim Collection dove è possibile ammirare i capolavori dell’arte contemporanea (Duchamp, Kandinsky, Picasso solo per citarne alcuni) Punta della Dogana con la Collezione Pinault, sede di varie mostre temporanee; Ca’ Rezzonico, il museo del Settecento Veneziano ospitato in uno splendido palazzo barocco; Palazzo Cini con le sue opere di arte antica (tra cui Filippo Lippi, Beato Angelico, Botticelli, Piero di Cosimo, Pontormo); Casa dei Tre Oci, celebre per le sue mostre fotografiche;  V-A-C Foundation, galleria di recente apertura e sede di varie esposizioni temporanee.   Squero di San Trovaso Lo squero di San Trovaso, ospitato in una struttura lignea con la forma tipica di una casa di montagna, è uno dei più antichi cantieri navali tradizionali della città ancora attivi. Operativo sin dal 17 ° secolo, qui vengono ancora oggi costruite gondole, pupparini, sandoli, sciopòni e altre barche tipiche della tradizione lagunare veneziana.   Botteghe artigianali Ca’ Macana con le sue maschere, Perlamadredesign e le sue creazioni con le perle, gli specchi di Canestrelli, i biscotti e le focacce de Dal Nono Colussi sono solo alcune delle botteghe che tra tradizione e innovazione portano avanti l’artigianato locale. Perditi tra le calli di Dorsoduro e scova i negozi di un tempo, scambia qualche parola con i proprietari e scoprirai la Venezia più autentica.   Cicheti e non solo: dove mangiare Visitare Venezia vuol dire anche assaporarne i piatti tradizionali come il baccalà, il saor o le seppie. Ma naturalmente ci sono ricette tipiche anche a base di carne e delle rivisitazioni in chiave vegetariana per accontentare i gusti di tutti. Qui vi citiamo solo alcune osterie che potrebbero essere d’interesse nel Sestiere di Dorsoduro, oltre ovviamente al nostro Ristorante La Rivista: Osteria allo Squero, da Codroma, Osteria Ai Pugni, Cantine del Vino già Schiavi, alla Bifora.
Glass Ca' Pisani Hotel
Nuovo sito: il look che rispecchia la nostra accoglienza
Dal 21 luglio 2020 è online il nuovo sito del Ca’ Pisani. Ciò che ci ha spinto a rinnovare la nostra immagine digitale è l’obiettivo di far vivere l’esperienza del Ca’ Pisani dal primo contatto che ogni ospite ha con l’hotel: il web. Ecco quindi un sito originale, dinamico, ricco di dettagli inaspettati, capaci di coinvolgere e stupire l’utente passo dopo passo, metafora di ciò che gli ospiti vivono appena varcano la soglia dell’Hotel: un ambiente unico nel suo genere in tipico stile Art Deco, con un’accurata attenzione ad ogni particolare. Quest’anno celebriamo anche il ventennale dell’apertura del Ca’ Pisani Hotel e abbiamo pensato fosse l’occasione giusta per proporre un look che rappresentasse maggiormente la nostra filosofia di ospitalità. Le scelte stilistiche Grafica e colori rispecchiano lo stile inconfondibile che rende il Ca’ Pisani un hotel unico nel panorama dell’hospitality veneziana. Struttura, font e animazioni rievocano tendaggi, tessuti, arredi e opere d’arte realmente presenti in hotel e offrono così un’esperienza virtuale a 360° di ciò che poi l’ospite può vivere in prima persona. “Ciò che traspare da questo nuovo sito è anche la passione per l’arte che mio padre ha trasmesso a noi figli e che il sito precedente non valorizzava adeguatamente” afferma Marianna Serandrei - general manager della struttura -“ Non a caso, scorrendo le pagine, si possono ritrovare alcuni riferimenti al movimento Futurista e in particolare alle opere di Fortunato Depero che hanno stimolato nostro padre nel progettare il primo hotel di design veneziano nel lontano 2000”. Nuovo look online, nuove sfide! Il nostro restyling online coincide anche con la nostra riapertura dopo il lockdown dovuto al Covid. È stata una coincidenza, perché a questo progetto stavamo già lavorando prima che iniziasse l’emergenza, ma l’abbiamo vissuta come uno stimolo in più per riaprire in grande stile e per trasmettere una immagine che rispecchiasse i nostri valori e il nostro modo di fare accoglienza a Venezia. Anche per questo abbiamo ristudiato ciò che andiamo ad offrire (i nostri clienti più affezionati se ne sono già accorti) per far vivere delle esperienze quanto più possibile personalizzate e costruite sui bisogni che ogni ospite dell’hotel possa avere. Quindi non ci resta che dirvi … buona navigazione! Speriamo di indurvi a prenotare un soggiorno direttamente dal nostro sito, perché vi ricordiamo che qui troverete le migliori tariffe, le politiche di cancellazione più convenienti, le offerte esclusive e le promozioni. E se cosi non fosse, saremo felici di essere contattati: vi faremo una controproposta irrinunciabile!
Glass Ca' Pisani Hotel
New website: the look that reflects our hospitality
The new Ca’ Pisani website is online from the 21 July. We felt the need to renew our digital image to make our guests live the Ca’ Pisani experience from the first contact with us: the web. It is an original, dynamic site, full of unexpected details, capable of engaging and amaze the user step by step, a metaphor for what guests experience as soon as they cross the threshold of the Hotel: a unique environment in typical Art Deco style, with careful attention to every detail. This year we also celebrate the twentieth anniversary of the opening of the Ca ’Pisani Hotel and we thought it was the right occasion to propose a look that best represents our hospitality philosophy. The stylistic choices Graphics and colors reflect the unmistakable style that makes Ca ’Pisani a unique hotel in the panorama of Venetian hospitality. Textures, patterns, fonts and animations evoke curtains, fabrics, furnishings and artworks that you can find in the hotel and thus offer a 360 ° virtual experience of what the guest can then live first hand. "This new website communicates also the passion for art that my father handed down to us children and that the previous website did not adequately enhance" says Marianna Serandrei, the general manager - "Not surprisingly, scrolling through the pages , you can find some references to the Futurist movement and in particular to the works of Fortunato Depero that stimulated our father in founding the first Venetian design hotel back in 2000 ". New online look, new challenges! Our online restyling also coincides with our reopening after the lockdown due to Covid. It was a co-incidence, because we were already working on this project before the emergency spread, but we experienced it as an extra stimulus to reopen in style and to communicate an image that reflects our values ​​and our hospitality. This is one of the reasons why we have redesigned our offer (the most loyal customers have already noticed it) in order to make our guests live experiences as tailor-made as possible, which are built on the different needs each one can have. So go surfing among our pages! We hope to convince you to book a stay directly from our website, because only here you will find the best rates, the most convenient cancellation policies, exclusive offers and promotions. But if it is not so, please contact us: we will make you an unmissable counter-proposal!
061
From July 30th we are ready to welcome you again in complete safety!
Visiting the city is now a totally new experience: you can walk peacefully; museums, galleries and monuments, accessible mostly upon reservation and in small groups, allow you to admire their artworks with an attention previously not possible, merchants have more time to devote to customers. Don't miss this opportunity! From our side, we took the time to test the new regulations thanks to the opening on May 29 (among the first hotels in Venice) of the Hotel Saturnia & International (the other structure managed by the Serandrei family in Saint Mark). These months of "experimentation" have allowed us to acquire an awareness and a modus operandi that will allow us to welcome you in complete safety and as we always did, with dedication and passion for hospitality. What will happen when you arrive at the Hotel HYGIENE All rooms and common areas are cleaned and sanitized frequently. Stations with hand sanitizers have been located at the passage points to ensure proper sanitation. Where possible, separate entry and exit routes have been created. INFORMATION You can consult all prevention measures taken thanks to information signs hung in various areas of the hotel. CHECK-IN AND CHECK-OUT Check-in and check-out operations will be automated as much as possible, favoring electronic payments. ROOM Before your arrival, a sanitization will be carried out with specific products and completed through the use of a special atomizer. Your room will be sanitized several times during your stay. If, on the other hand, you do prefer to minimize staff entry, please make an explicit request at check-in. MASK You will need to wear your mask at check-in, check-out and to move inside the hotel. Once in the room you can take it off. BREAKFAST To comply with the new safety regulations, we will serve a CONTINENTAL breakfast at La Rivista Restaurant. CENTRALIZED AIR CONDITIONING SYSTEM Our air conditioning system is checked promptly by qualified personnel who certify the quality of the air. VISIT THE CITY Museums, art galleries and monuments are open and can be visited, some only by reservation. It is mandatory to always have the mask with you and wear it indoors and outdoors.
061
Dal 30 luglio finalmente siamo operativi in completa sicurezza!
Visitare la città è ora un’esperienza nuova: si può camminare con più tranquillità, musei, gallerie e monumenti, accessibili per lo più su prenotazione e a piccoli gruppi, permettono di ammirare le opere d’arte con un’attenzione e una serenità prima non possibile, i commercianti hanno più tempo da dedicare ai clienti. Non perdere questa occasione! Da parte nostra, ci siamo presi il tempo di testare le nuove norme che regolano il settore turistico con l’apertura il 29 maggio (tra i primi hotel a Venezia) dell’Hotel Saturnia & International (l’altra struttura gestita dalla famiglia Serandrei a San Marco). Questi mesi di “sperimentazione” ci hanno permesso di acquisire una consapevolezza e un modus operandi che ci permetterà di accogliervi in completa sicurezza e con la professionalità che da sempre ci contraddistingue. Cosa succederà in hotel IGIENE Tutti gli ambienti e locali vengono puliti e sanificati frequentemente. Stazioni con disinfettanti per le mani sono state posizionate nei punti di passaggio per garantire una corretta igienizzazione. Ove possibile, sono stati creati dei percorsi distinti di entrata e uscita. INFORMAZIONE Potrai consultare tutte le misure di prevenzione intraprese grazie a cartelli informativi appesi in varie aree della struttura. CHECK-IN E CHECK-OUT Le operazioni di check-in e check-out sono state automatizzate il più possibile, favorendo i pagamenti elettronici. CAMERA Per le camere in arrivo verrà effettuata una sanificazione a base di prodotti specifici, completata attarverso l’uso di uno speciale atomizzatore La tua camera verrà sanificata più volte durante il tuo soggiorno. Se invece vorrai ridurre al minimo l’entrata del personale, ti preghiamo di farne esplicita richiesta al momento del check-in. MASCHERINA È obbligatorio indossare la mascherina al momento del check-in, check-out e per muoversi all’interno dell’Hotel. Quando sarai in camera naturalmente potrai toglierla. COLAZIONE Per ottemperare alle nuove norme di sicurezza, serviremo una colazione di tipo CONTINENTALE presso il Ristorante La Rivista. SISTEMA DI CONDIZIONAMENTO CENTRALIZZATO Il nostro sistema di condizionamento viene controllato puntualmente da personale qualificato che certifica la qualità dell’aria. VISITARE LA CITTÀ Musei, gallerie d’arte e monumenti sono aperti e visitabili, alcuni solo su prenotazione. È obbligatorio avere la mascherina sempre con sé e indossarla in luoghi chiusi e all’aperto.

#capisanihotel

@capisanihotelvenice
Ca' Pisani Deco Design Hotel - Door decoration collage - Instagram Ca' Pisani Deco Design Hotel - Murano - Instagram Ca' Pisani Deco Design Hotel - breakfast - cappuccino -Instagram Boutique-hotel-ca-pisani-camera-romantic-experience Boutique-hotel-ca-pisani-home-instagram-3
Riapriamo il 25 Giugno! Scopri le nostre offerte

I vantaggi
di prenotare
sul sito
ufficiale:

  • Miglior prezzo
  • Miglior politica di cancellazione
  • Pacchetti esclusivi e sconti speciali
  • -15% al Ristorante “La Rivista”