Aggiornamento 1 Aprile - Ca' Pisani Hotel Venezia

Maggiore libertà dal 1 Aprile e la sicurezza di sempre

01 Aprile 2022

Maggiore libertà dal 1 Aprile e la sicurezza di sempre

Dal 1 Aprile 2022 per soggiornare in hotel non verrà richiesto il green pass; il Governo Italiano, infatti, vista la situazione generale in miglioramento, ha finalmente deciso di allentare alcune restrizioni anti-covid.

 

Soggiorno sicuro

 

Dall’1 Aprile gli ospiti potranno soggiornare in hotel senza dover presentare il Green Pass, ma da parte nostra vogliamo comunque garantire una permanenza in totale sicurezza. Ecco quindi che continueremo ad effettuare un’accurata pulizia e sanificazione di camere e aree comuni (anche mediante l’uso di un atomizzatore).

L’allentamento delle restrizioni ci permette di ripristinare alcuni dei servizi che avevamo dovuto riorganizzare o sospendere per adempiere agli obblighi legislativi.

Potrete, quindi, gustare nuovamente la nostra ricca colazione a buffet, usufruire del bagno turco (ad uso esclusivo), godere del servizio di couverture ed utilizzare i bollitori nei tea corner presenti nelle aree comuni.

Ricordiamo che per muoversi all’interno dell’hotel rimane obbligatorio l’utilizzo della mascherina.

 

Vivere la città

 

Anche la tua esperienza in città sarà più libera. Sempre dall’1 aprile decade l’obbligo del Green Pass per muoversi sui mezzi pubblici, anche se rimane necessario indossare una mascherina FFP2 durante il viaggio, ed è possibile pranzare o cenare al chiuso nei locali presentando solo il Green pass base.

Entrambe le misure decadono dall’1 Maggio.

Per consumare all’aperto non è più necessaria la certificazione verde, quindi potrai gustare cicheti ed aperitivi de La Rivista Wine Bar ai tavoli che si affacciano su Rio Terà Foscarini in totale libertà.

Il link è stato copiato negli appunti
Scopri le nostre offerte

I vantaggi
di prenotare
sul sito
ufficiale:

  • Miglior prezzo
  • Miglior politica di cancellazione
  • Pacchetti esclusivi e sconti speciali
  • -15% al Ristorante “La Rivista”